Monte 'e Prama, Prenda 'e Zenia. Conservazione delle sculture nuragiche

Monte ‘e Prama Prenda ‘e Zenia

CCAGeoMap

Javascript is required to view this map.

Sezioni del progetto

Le sculture nuragiche di Monte Prama
Luogo dell'intervento: 
Soprintendenza per i Beni Archeologici per le Province di Sassari e Nuoro, Li Punti, Sassari
Tipo d'intervento: 
Documentazione, conservazione e restauro, musealizzazione delle sculture nuragiche di Monte Prama, Cabras, Oristano.
Committenza: 
Soprintendenza per i Beni Archeologici per le Province di Sassari e Nuoro.
Direzione scientifica: 
Dott.sa Antonietta Boninu, Soprintendenza per i Beni Archeologici per le Province di Sassari e Nuoro.
Direzione tecnica: 
Roberto Nardi, CCA Centro di Conservazione Archeologica
Quando: 
1 Luglio 2007 - 1 Novembre 2011
Programma culturale: 
Sito web dedicato all’intervento, www.monteprama.it , in tre lingue, italiano, inglese e sardo; apertura del cantiere al pubblico con visite guidate; allestimento di uno scenario che ripropone il contesto di provenienza delle sculture; distribuzione di materiale didattico; concorso di disegno per le scuole; mostra a fine lavori.

Il Progetto Culturale  “Monte ‘e Prama Prenda ‘e Zenia” prevede la documentazione, la conservazione, il restauro e la musealizzazione delle sculture ritrovate nel 1974 a Monte Prama in provincia di Oristano.
Si tratta di un insieme straordinario di frammenti in pietra di epoca nuragica raffiguranti arcieri, guerrieri, pugilatori e modelli di nuraghe.
Due le ipotesi di datazione: una prima colloca le sculture intorno al VII a.C., un’altra si spinge a fine I millennio a.C. 
E’ stato creato un archivio digitale dei frammenti, sono state eseguite le analisi dei materiali originali e il trattamento conservativo è attualmente in corso.
Alla pulitura con acqua Atomizzata, una tecnica non invasiva già messa a punto sui monumenti del Foro romano, segue la difficile ricerca degli attacchi, per tentare di ricomporre un puzzle di dieci tonnellate di materiali.
Le sculture di Monte ’e Prama sono infatti di dimensioni monumentali: superano i due metri di altezza. 
Caratteristica comune è la resa del volto, in particolare gli occhi: due cerchi concentrici rendono lo sguardo magnetico, trasformando l’incontro con il visitatore in un’esperienza indimenticabile.
Per maggiori informazioni consulta il sito web del progetto:
http://www.monteprama.it/